21 maggio 2018

Il corteo storico matildico il 24, 25, 26 e 27 maggio a Quattro Castella di Reggio Emilia

Il Corteo storico matildico è una manifestazione rievocativa di carattere storico, che si svolge con cadenza annuale, a Quattro Castella, in provincia di Reggio Emilia, dal 1955; è stato interrotto negli anni dal 1972 al 1984.

La manifestazione si svolge solitamente l’ultima domenica di maggio e rievoca l’episodio dell’incoronazione di Matilde di Canossa per mano di Enrico V, avvenuta ai piedi del Castello di Bianello tra il 6 e l’11 maggio dell’anno 1111. L’imperatore era il figlio di Enrico IV che nel 1077 ottenne dal papa Gregorio VII, grazie alla mediazione di Matilde, il perdono di Canossa.

Questa incoronazione ebbe un significato molto importante, anche perché era stata preceduta da un fatto straordinario: nel luglio del 1081, infatti, a Lucca, il Re Enrico IV in giudizio solenne emette un Bando contro Matilde, con l’accusa di alto tradimento (Rea Lesa Maestà) che prevede la confisca di tutti i suoi beni e feudi, con la conseguente caduta dell’obbligo di Fedeltà da parte di tutti i suoi vassalli.

Trent’anni dopo (maggio 1111) a Bianello, il figlio Imperatore Enrico V con il gesto della Reinfeudazione, revoca il Bando di Lucca e le assegna il titolo di Vicaria Imperiale in Italia, reintegrandola, di fatto, nel suo precedente ruolo di governante e vassalla.

Donizone di Canossa, biografo di Matilde e cronista dell’epoca, racconta che l’imperatore raggiunse il castello di Bianello di ritorno da Roma e incoronò la granduchessa con il titolo di “vice regina vicaria imperiale d’Italia”. Tale episodio fu il passo decisivo verso il concordato di Worms (1122). Fonti storiche riportano che la cerimonia ebbe luogo sul sagrato della chiesa di Sant’Antonino, poco distante da dove attualmente avviene la manifestazione.

Il Corteo Storico Matildico trae il suo nome dalla sfilata (“corteo”) finale di oltre 1000 comparse in costume d’epoca, lungo le vie di Quattro Castella. Lo spettacolo consiste nella rievocazione teatrale dell’episodio storico, con la figura di Matilde e quella dell’imperatore Enrico V interpretate comunemente da figure note dello spettacolo, della cultura e dello sport.

L’evento presenta tradizionalmente diversi spettacoli medievali:
– Le sfilate ed esibizioni delle contrade di sbandieratori e musici castellesi (Contrada di Monticelli, Contrada della Corte, Contrada della Maestà della Battaglia, Contrada di Borgoleto, Gruppo Storico dei Villici, Gruppo Storico Arcieri delle Quattro Castella)
La Quintana dell’Anello: un gioco d’abilità per cavalieri. I partecipanti devono riuscire ad infilare con la lancia durante una cavalcata degli anelli.
Il Gran Passo d’Armi, noto come “Gioco del Ponte” o “Lotta del Ponte”: 2 squadre composte da 7 lottatori si affrontano in duello sopra un ponte di legno. Vince la squadra che riesce a far cadere tutti i componenti della squadra avversaria dal ponte

Il ricco programma prevede inoltre scene di vita medievale, una cena medievale, accampamenti militari, artigianato storico, rappresentazioni itineranti e taverne gastronomiche, spettacoli, giochi, mercato medievale, dei prodotti tipici e di artigianato artistico, allestimento di un grande villaggio medievale.

Per maggiori informazioni il programma dettagliato.

news, Senza categoria